Residenz, Cuvilliés-Theater

Monaco

Condividi su

Il Cuvilliés Theater, uno dei teatri rococò più belli e famosi d'Europa, si trova all'interno del complesso monumentale della Residenz, il palazzo reale di Monaco. La sua origine risale al 1750 quando Massimiliano Giuseppe III, principe elettore di Baviera, decide di far costruire un nuovo Teatro dell’Opera per la corte di Monaco, la “Neues Opera Haus”. L’architetto François Cuvilliés viene incaricato di preparare il progetto.

Il 12 ottobre 1753 il teatro fu inaugurato con l'opera Catone in Utica del compositore italiano e direttore della orchestra bavarese di corte Giovanni Battista Ferrandini. Per questo teatro Wolfgang Amadeus Mozart compose l'opera Idomeneo. La prima rappresentazione si svolse il 29 gennaio 1781.

Nel 1801 Massimiliano Giuseppe IV, succeduto nel 1799 a Carlo Teodoro, decide di far ristrutturare il teatro, giunto al mezzo secolo di vita. Gli affreschi del soffitto eseguiti dallo Zimmermann vengono ricoperti da uno strato di colore uniforme perché danneggiati dal fumo delle candele dei numerosi lampadari, rimossi e sostituiti da un unico grande lampadario posto al centro e annidato in un vano ottagonale da cui poteva salire e scendere. Vengono eliminate alcune decorazioni e sostituito anche il sontuoso sipario in quanto lo stile rococò aveva ormai ceduto il passo al gusto neoclassico.

Nel 1885, l’anno prima della morte di Ludwig II, il teatro viene nuovamente ristrutturato nel rispetto dell’importanza del valore artistico e storico che questo “unicum” rappresenta.

Nel 1943, sotto la continua minaccia dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, si decide di smontare le parti lignee e gli arredi del Teatro Cuvilliès, che vengono imballati in casse e sistemati in parte a Kelheim nei sotterranei della Befreiungshalle e in parte nella casa parrocchiale di Obing. Il terrificante bombardamento del 18 marzo 1944 sul centro di Monaco colpisce la Residenz, il Nationaltheater e il Cuvilliés, del quale rimangono in piedi solamente i muri laterali.

Subito dopo la guerra si pensa di ricostruire il teatro nello stesso posto, il 14 giugno del 1958 avviene l’inaugurazione ufficiale con la messa in scena de “Le nozze di Figaro” di Mozart, nell’ambito dei festeggiamenti giubilari di Monaco.

Nei quasi cinquant'anni intercorsi tra il 1958 e il 2005, il teatro ha ospitato numerose rappresentazioni teatrali, opere, concerti ma anche feste e manifestazioni speciali, nonché accolto migliaia di monacensi e turisti durante il quotidiano orario di apertura al pubblico.


da tuttobaviera.it

12 Settembre 2011 09:00

Panel 2 - Unità dei cristiani, amore dei poveri



Presiede

Roger Etchegaray

Cardinale, Santa Sede


Intervento

Daniel

Patriarca della Chiesa Ortodossa di Romania

Filaret

Vescovo ortodosso, Chiesa Ucraina, Patriarcato di Mosca

Marco Gnavi

Comunità di Sant’Egidio, Italia

Kurt Koch

Cardinale, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, Santa Sede

Mary Tanner

Co-Presidente del Consiglio Ecumenico delle Chiese

Munib Younan

Federazione Luterana Mondiale


12 Settembre 2011 16:00

Panel 14 - Umanisti e credenti: agenda della convivenza



Presiede

Paul Poupard

Cardinale, Santa Sede


Intervento

Anwar Ibrahim

Membro del Parlamento, Malesia

Paolo Borzatta

The European House - Ambrosetti, Italia

Riccardo Di Segni

Rabbino Capo di Roma, Italia

Simon Xavier Guerrend Hermès

Presidente della Fondazione Guerrend Hermès per la Pace, Francia

Vincenzo Paglia

Arcivescovo cattolico, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, Santa Sede

Émile Poulat

École Pratique des Hautes Études en Sciences Sociales, France

Walter Jürgen Schmid

Ambasciatore di Germania presso la Santa Sede


13 Settembre 2011 09:00

Panel 25 - Israeliani e Palestinesi: la pace è possibile?



Presiede

Antonio Puri Purini

Ambasciatore, Italia


Intervento

Mahmoud Al-Habash

Ministro degli Affari Religiosi, ANP

Elias Chacour

Arcivescovo greco melkita cattolico, Israele

Antonio Ferrari

"Corriere della Sera", Italia

Daniel Hershkowitz

Ministro della Scienza e della Tecnologia, Israele

David Rosen

Già Rabbino Capo di Irlanda, AJC, Israele