Condividi su

Avraham Giesser

Rabbino Capo di Ofra, Israele
 biografia
Onorevole Presidente di questa sessione, miei cari amici, partecipanti alla conferenza, membri della Comunità di Sant'Egidio, ospiti illustri,
 
Con grande eccitazione e aspettativa, mi siedo qui oggi in questa importante conferenza, simile a una torcia di luce e speranza che illumina il nostro mondo e dà speranza e fede nell'esistenza della bontà innata di tutte le persone e nel desiderio comune di tutta l'umanità di raggiungere la pace e fratellanza.
 
Considerate Bologna, una città che ha vissuto molte guerre e conflitti, guerre di religione e spaccature di potere e controllo, che è diventata un centro culturale e storico di arte, istruzione e progresso per tutta l'Europa. Allo stesso modo, noi, la comunità dei credenti in tutto il mondo, siamo fiduciosi che è possibile dare a tutta l'umanità benedizioni e un messaggio di fratellanza e pace. La base per questa nostra posizione è il nostro credere nella capacità di rinnovare e cambiare, di riparare e ridisegnare ciò che esiste.
 
Nell'ultimo mese di settembre, noi, ebrei in Israele e in tutto il mondo, abbiamo celebrato la festa di un nuovo anno secondo il calendario ebraico.
 
Noi riteniamo che il giorno in cui incominciamo un nuovo anno questo non sia semplicemente una data arbitraria segnata sul calendario. Nella nostra tradizione, questo è il giorno in cui D-o aveva creato l'uomo, la corona di tutta la creazione, e lo aveva collocato nel Giardino dell'Eden. Fu anche in quel giorno che egli peccò mangiando il frutto proibito, ma, questa è l'essenza della fede ebraica, proprio in quel giorno si pentì per il suo peccato, e D-o aveva poi accettato con gratitudine questo pentimento e aveva assegnato a lui il ruolo più importante al mondo: "Tikkun Olam" (correzione del mondo). Da questo punto in poi, si deve correggere ogni malfunzionamento e guarire ogni dolore, eliminare tutto l'odio e rinnovare gioia e creatività. Questa idea è alla base della visione ottimistica verso tutta l'umanità.
 
È proprio in questo giorno di ogni anno che celebriamo l'inizio di un nuovo anno, poiché crediamo che ogni persona ogni anno debba riesaminare se stessa e il proprio contributo al compito per il quale è stato creato. Cosa hai fatto fino ad oggi? Che cosa hai intenzione di risolvere il prossimo anno?
 
 
 
Nella tradizione ebraica c'è una meravigliosa leggenda su un affascinante incontro tra un grande saggio ebreo, il cui nome era Rabbi Akiva e un importante sovrano romano il cui nome nella leggenda è Turno-Rufo. In particolare, qui a Bologna, in Italia, è importante notare che in passato i rapporti tra il popolo ebraico e l'impero romano erano del tipo di relazioni tra conquistatori e conquistati, tra maestri e schiavi portati da Gerusalemme a Roma e venduti al miglior offerente al mercato degli schiavi e uccisi a causa di ogni tipo di morte crudele nel magnifico Colosseo romano. Questo sovrano romano una volta aveva invitato il saggio ebreo, Akiva, e gli chiese: Dimmi, tu sei un saggio capo ebreo: "Di chi sono le azioni più eccelse  e appropriate? Quelle di D-o o quelle dell'uomo?" Tutti sappiamo quale sia la risposta, ma Akiva rispose: "Le azioni dell'uomo sono le più meritevoli!"
 
Com'è possibile? Chiede il romano. È stato l'uomo a creare il mondo? È capace di creare la natura? Di dare la pioggia o di dare il potere della luce al sole? No! Risponde Rabbi Akiva. È impossibile persino tentare di confrontare le azioni del creatore con quelle dell'uomo, ma per favore attendi un'ora e te lo dimostrerò.
 
Durante questa ora Rabbi Akiva si dirige verso il campo e raccoglie alcuni gambi di grano. Mette da parte metà dei gambi ed estrae i semi dalla metà rimanente, li macina in farina, fa un miscuglio che impasta e poi inserisce in forno e cuoce una pagnotta di pane. Porta entrambi gli oggetti al re e gli dice: Ecco, guarda questi gambi di grano: questi sono fatti dal creatore. Puoi mangiare questo? Puoi nutrire con questi gli affamati?
 
Ora, guarda questa pagnotta che ho infornato da questi gambi di grano. Ho esercitato un grande sforzo in questo. Ho separato i semi dalle cannucce e dai loro gusci, li ho puliti, li ho macinati e impastati, li ho cotti e prodotto questa pagnotta di pane. Quindi, le azioni di chi sono più grandi?
 
D-o ci ha concesso un mondo magnifico, pieno di tesori e bellezza. Noi, i credenti che desideriamo fare del bene a noi stessi e al mondo intero, abbiamo bisogno di adempiere al nostro ruolo. Dobbiamo portare speranza e gioia in questo meraviglioso mondo.
 
La speranza può essere plasmata da ebrei, cristiani e musulmani che si uniscono come un muro protettivo intorno all'umanità, intorno alla vita e al rispetto per il D-o il cui nome è stato violato. Dobbiamo offrire un'educazione religiosa che insegna l'amore per il mondo, ma non in senso stretto: piuttosto, il mondo ricco e colorato di molte voci, colori e religioni che riempiono di fascino e bellezza quel mondo, dal momento che "ognuno di noi ha il suo canto nella vasta sinfonia dell'umanità. Con questo metodo educativo, i nostri alunni ascolteranno la voce del nostro antenato, la voce di Abramo, presteranno attenzione alla sua richiesta a Dio per la giustizia e la correzione del mondo; interiorizzeranno che D-o è tutto sulla vita e chiede che lo cerchiamo e lo amiamo.
 
Il messaggio della religione deve essere un messaggio di vita e benedizione per tutti gli esseri viventi, che prendere una vita è la più grande violazione del nome di D-o che gli umani possono perpetrare.
 
Nel suo libro, il rabbino Yonatan Sachs, un importante leader religioso, scrisse: "Quando la religione trasforma le persone in assassini, D-o piange".
 
I profeti Isaia e Michea furono i primi a parlare della pace come un ideale. Verrà un giorno, dissero, in cui le nazioni della terra trasformeranno le loro spade in aratri e le loro lance in tralci di vite, e non sperimenteranno più la guerra. Secondo la Bibbia, il monoteismo abramitico giunge al mondo come un rifiuto dell'imperialismo e della schiavitù forzata degli umani da parte dei suoi simili. Lo stesso Abramo, ammirato da 2,4 miliardi di cristiani, 1,6 miliardi di musulmani e 13 milioni di ebrei, non governò alcun impero, non reclutò alcuna forza militare, né conquistò alcuna terra; non ha fatto miracoli, né profetizzato. Anche se la scelta del suo stile di vita era diversa da quella dei suoi vicini, egli era vicino a loro e pregava per loro, con le parole più forti che un credente avesse mai rivolto a D-o: "Il giudice del mondo non farà ciò che è giusto?" Abramo cerca di rimanere fedele alle sue convinzioni: portare la benedizione agli altri indipendentemente dalle loro convinzioni.
 
Questo concetto, che tanti hanno ignorato per i millenni trascorsi da allora, rimane la definizione più semplice della fede di Abramo. Il suo obiettivo non è conquistare il mondo, convertirlo o costringerlo a una uniformità di fede. Il suo obiettivo è essere un canale di benedizione. In parole povere, l'uso della religione per convenienza politica non è rettitudine ma idolatria.
 
Brandire in nome di D-o la violenza nei confronti di persone innocenti non è un atto di santità ma di profanazione.
 
Vita e morte, benedizione e maledizione, sono i due volti di ogni credo e religione.
 
Ricordo che alla cerimonia conclusiva del nostro ultimo incontro in Germania parlò innanzi a noi l'ultimo Vescovo di Aleppo che ha dovuto fuggire dalla sua Chiesa e dalla sua casa e ci ha raccontato della distruzione della sua comunità ad Aleppo.
 
Tutto è stato fatto nel nome di D-o.
 
Nella legge mosaica, Deuteronomio 30, contiene quanto segue: "Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male". I saggi ebrei spiegano che questo descrive l'intera Torah tramandata da D-o. Con questa affermazione, D-o ci sta insegnando che è tutto nelle nostre mani, che abbiamo bisogno, e possiamo, accettare le linee guida di D-o e portare a termine i comandamenti portando vita e benedizione nel mondo, ma possiamo anche usare quegli stessi comandamenti per creare un'infrastruttura di morte e male. Nelle fonti ebraiche, è formulato come segue: se una persona è degna, la Torah diventa l'unico modo di vivere; ma se una persona non è degna, la Torah diventa un percorso che dà assuefazione fino alla morte. L'aspetto di umanità in quella espressione è il fatto che possiamo decidere liberamente quale strada scegliere.
 
Sono certo che la religione e la fede sono la cura per tutti i mali e le sofferenze sociali di cui la nostra società soffre, sia a livello individuale che comunitario. Ma per accedere a questo, la religione deve essere insegnata da insegnanti e leader che hanno scelto la vita, che possono approfondire i testi e insegnare i concetti che portano alla speranza per l'individuo e alla prosperità per la società.
 
Questa è la tremenda responsabilità che ora ricade su rabbini, preti e imam e ogni tipo di leader religioso.
 
La prima fase coinvolge gli insegnanti che si assumono l'impegno di liberarsi dall'odio e sradicarlo da ogni connessione con la religione. Nella tradizione ebraica, diciamo: "Una persona veramente retta non si lamenta dell'oscurità, ma trova un modo per portare luce in essa". Sappiamo tutti che nella più tenebrosa oscurità, anche la più piccola quantità di luce, come la fiamma di un singolo fiammifero, può bandire l'oscurità.
 
Sono sicuro che siete tutti d'accordo sul fatto che l'idea sia soddisfacente, ma sarete anche d'accordo sul fatto che sia difficile da attuare. Ed è qui che desidero offrire un elemento pratico, indicando il modo in cui possiamo trasformare questo obiettivo in realtà. Perché l'educazione abbia successo, non può lasciare i concetti in modo astratto, ma deve dar loro una forma tangibile. Uno dei fondamenti della religione ebraica è il comandamento di compiere varie azioni, e non rimanere in un mondo di idee ma trasformarle in azioni.
 
L'educazione alla vita e il comandamento di sradicare l'odio devono avere una forma pratica e un esercizio fisico, proprio come l'allenamento sportivo per raggiungere la forma fisica.
 
L'ebraismo non educa ad amare le persone che ti odiano, a rinunciare alla giustizia e a nascondere la verità. Questa è una falsa soluzione. La Torah insegna che non devi amare chi ti odia, ma devi dare una mano in caso di necessità.
 
Se desideriamo vedere adulti colti, dobbiamo educare i nostri bambini e studenti a offrire quella mano. La più importante delle lezioni verrebbe interiorizzata solo se i nostri studenti ci vedranno metterla in pratica.
 
In ogni città e in ogni comunità, troviamo persone bisognose: anziani soli, persone con handicap, bambini che hanno bisogno di aiuto.
 
In Israele, ogni scuola richiede ai suoi studenti adolescenti di fare volontariato almeno due ore alla settimana in vari contesti assistenziali. Queste sono, di fatto, le classi educative più importanti. Sono lezioni di pratica di umanità e di aiuto agli altri: sedersi al capezzale di qualcuno e tenergli compagnia, giocare con un bambino costretto su una sedia a rotelle, frequentare una casa di riposo e parlare con chi vi risiede, fare volontariato e contribuire in qualsiasi luogo in cui il tuo cuore e il tuo aiuto sono necessari.
 
Questa è la fase primaria e vitale nell'educazione all'amore per gli altri esseri umani, per ogni essere umano.
 
Questo passaggio non deve essere saltato. Se iniziamo con piccoli atti, costruiremo fino a quelli più grandi. Ma se tutto ciò che facciamo è parlare di grandi idee nelle conferenze, non realizzeremo mai nemmeno un piccolo atto di bene.
 
Possa D-o benedirci tutti con pace e bene. Amen.