Condividi su

Husein ef. Smajić

Vice Rais ul-ulama di Bosnia e Erzegovina
 biografia
Vorrei iniziare con il nome dell'Onnipotente, chiedendogli la Sua benedizione ed esprimendo la mia gratitudine a Lui.
Eccellenze, Eminenze, signore e signori, cari amici.
È un grande privilegio per me partecipare a questo evento che ha una missione nobile.
Vorrei ringraziare gli organizzatori per l'invito a prendere parte a questo importante evento interreligioso.
Permettetemi di esprimere profondo rispetto e gratitudine alla Chiesa cattolica romana e al suo leader, Papa Francesco, per i suoi sforzi volti a connettere le persone sulla base di valori comuni, che possiamo testimoniare in questo momento.
Vi saluto tutti con il saluto di pace e con grande rispetto.
 
 
L'uomo è naturalmente un essere sociale e non può essere altrimenti. Può raggiungere il suo pieno potenziale solo all'interno della società. Su questa base, le persone creano un tutto indivisibile dove condividono valori e interessi comuni. Le culture e le civiltà non si sono formate in un vuoto astorico, ma sono il risultato dell'interazione umana. L'uomo non è definito solo dalla sua cultura e civiltà; è un essere molto più universale di così. Ha sempre avuto bisogno di elevarsi al di sopra della sua parzialità culturale.
 
Entrare in contatto con altre prospettive culturali, filosofiche, sociali e religiose è un prerequisito necessario per acquisire una completa verità sulla realtà. L'esperienza della diversità offre una varietà di opzioni e la libertà di scelta. È impossibile costruire muri attorno a una cultura e tagliarla fuori da tutti i flussi di civiltà. L'identità che si stabilisce nell'isolamento culturale e linguistico è l'identità degli occhi chiusi.   Sulla base degli eventi storici, si può arrivare a concludere che le identità fondate sull’isolamento si sono facilmente mobilitate con lo scopo di neutralizzare e distruggere gli altri, diversi da loro.
 
Storicamente, le religioni, così come le persone, non sono mai esistite in un completo isolamento l'una dall'altra. Nel mondo in cui tutti i processi sono inevitabilmente dinamismo, il dialogo interreligioso non può essere un fatto legato alla spontaneità. Oggi ci sono circa 3.700 gruppi etnici e linguistici nel mondo. Le tradizioni religiose hanno un enorme impatto sull'intensità e sulla qualità delle relazioni in sviluppo tra di loro. Questo è il motivo per cui è un dovere per le comunità religiose contribuire fortemente all'affermazione dell'etica della comprensione e del rispetto reciproci, e questo è un valore fondamentale della società umana.
 
La necessità di convivenza e familiarità ha portato alla scoperta di valori all'interno di diverse religioni e culture. Una caratteristica significativa dell'essere umano è la necessità di migliorarsi. Il percorso verso la sua autorealizzazione consiste nel contatto con un altro essere umano che è diverso da lui. Conoscere qualcuno diverso da se stesso migliora la sua esperienza di vita. Un famoso teologo tedesco contemporaneo, Jozef Kuschel, afferma: "Ogni popolo e ogni nazione ha bisogno di un altro ..., ogni religione ha bisogno di incontrare un'altra religione con tolleranza e profondo rispetto. Le minoranze, indipendentemente dal fatto che siano razziali, etniche o religiose, hanno bisogno di protezione e incoraggiamento " .
 
Secondo gli insegnamenti delle principali religioni del mondo, l'uomo è la più perfetta di tutte le creature di Dio con grandi potenzialità che possono essere sviluppate solo nel suo incontro e nella convivenza con gli altri. Il versetto del Sacro Corano dice:
“O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato” (Sura 49, 13).
 
Le religioni possono contribuire alla creazione di una sana visione del mondo, di un uomo moderno che ha il seguente punto di partenza: fede in Dio, fratellanza umana universale, difesa della conservazione dei valori e dei diritti comuni: vita, fede, ragione, onore e proprietà. Gli insegnamenti delle principali religioni del mondo richiedono filantropia (amore per l'umanità), misericordia e considerazione verso gli animali e le piante, così come la natura in generale. Queste idee possono essere trovate negli insegnamenti di Islam, Cristianesimo, Ebraismo, Induismo, Buddismo, ecc., Ed è necessario interpretarle nel contesto della costruzione di una "etica mondiale comune"  (valori etici universali), dove è possibile trovare principi etici universali accettabili per ogni essere umano indipendentemente dalla sua religiosità. L'etica comune è un'ipotesi per la pace mondiale, in cui le persone avrebbero più sentimenti e rispetto reciproco.
 
L'Islam dà all'uomo il diritto di scegliere il proprio orientamento religioso e, nei seguenti versetti coranici, invita le persone a rispettare l'orientamento degli altri: “Non c’è costrizione nella religione. La retta via ben si distingue dall’errore (Sura 2, 256). Se il tuo Signore volesse, tutti coloro che sono sulla terra crederebbero. Sta a te costringerli [o Mohammed] ad essere credenti? (Sura 10, 99)
 
La diversità delle nazioni e dei popoli è una prova in corso per l'umanità. Pertanto, è necessario insegnare alle persone come affrontare le differenze. Conoscersi l'un l'altro è un processo ineludibile per superare la paura dalle differenze e raggiungere il rispetto reciproco. Tuttavia, il dialogo non è completo se si tratta solo di cortesia. Il dialogo non può mirare alla vittoria di una parte, ma il suo obiettivo deve essere benevolenza e apertura reciproca e costruire relazioni reciproche. A questo proposito, il Corano dà le seguenti istruzioni: “discuti con loro nella maniera migliore” (Sura 16, 125).
 
L’esperienza della Bosnia-Herzegovina nel dialogo interreligioso e nella convivenza
 
Sul territorio della Bosnia ed Herzegovina, le principali religioni, culture e civiltà del mondo hanno sempre coesistito. La natura multilaterale della società della Bosnia-Herzegovina non è "solo una somma di contenuto spirituale, culturale, di civiltà o etnologico che, a causa di circostanze storiche, esiste l'una accanto all'altra" , ma al contrario, esistono l'una con l'altra (coesistono). "La particolarità della società della Bosnia Hrzegovina sta nel fatto che è cresciuta, nel corso dei secoli, in misura maggiore o minore, sui fondamenti delle quattro principali religioni del mondo: Ebraismo, Islam, Cristianesimo cattolico e ortodosso. All'interno delle strutture di questi quattro ambienti spirituali e concettuali, si sono formate tradizioni culturali e mentalità separate, e che allo stesso tempo si affidano l'una all'altra, sono familiari l'una con l'altra, non aliene ma diverse, come identità che si dovrebbero riconoscere e conoscere " .
 
Come espressione di questa tolleranza, apertura alla gente di diversa fede e cultura, Osman-pasha Bosnyak costruì una moschea e una chiesa nel suo villaggio, Kazanci, in Herzegovina, affinché non interferissero tra loro; il Mufti Kurt si è opposto alla persecuzione dei serbi in un sobborgo serbo a Tuzla nella seconda guerra mondiale; Jozo Petrović, direttore, e Derviš Korkut, curatore del Museo Nazionale di Sarajevo, hanno salvato la Haggadah ebraica nel 1941.
 
La coesistenza di musulmani e cristiani in Bosnia ed Herzegovina può essere fatta risalire alla seconda metà del XV secolo. Tre contesti confessionali - musulmano-bosniaco, ortodosso-serbo e cattolico-croato - si unirono a un quarto nel sedicesimo secolo, quello degli ebrei sefarditi. I seguaci di queste fedi svilupparono il senso di accettare e riconoscere "il diverso" come una cosa preziosa e positiva, non un qualcosa che priva gli altri.
 
Abbandonare, tradire e allontanarsi da questo terreno è la strada verso la rovina e la catastrofe. Ecco perché la futura esistenza della società e dello stato di Bosnia-Herzegovina è significativamente determinata dalla qualità delle mutue relazioni tra le sue identità reciprocamente condizionate. Il Consiglio interreligioso in Bosnia ed Erzegovina lavora per l'adempimento di questa missione. Il Consiglio esiste dal 1997 e la sua attività si caratterizza per i seguenti obiettivi:
1. Ridurre i pregiudizi e sensibilizzare all'importanza del dialogo interreligioso e della cooperazione migliorando le relazioni tra le comunità religiose di Bosnia-Herzegovina;
2. Migliorare i rapporti tra le comunità religiose e lo Stato con sforzi congiunti;
3. Collegamento del Consiglio interreligioso in Bosnia-Herzegovina con istituzioni e iniziative regionali e internazionali.
Il prerequisito fondamentale per il futuro della Bosnia-Herzegovina è il rinnovo della società tradizionale e il suo aggiornamento nelle nuove situazioni. Crediamo in questa possibilità, nonostante il genocidio commesso a Srebrenica. Crediamo anche che gli antagonismi esistenti nel mondo possano essere superati con gli sforzi sinceri di un gran numero di persone che si impegnano per il benessere generale e comune. L'impegno per il dialogo interreligioso ha un ruolo importante in questa materia. L'impegno per il dialogo interreligioso è l'impegno per la pace mondiale come la più grande benedizione per ogni essere umano e per tutte le comunità nazionali e statali. Uno dei libri sacri dice: "Il mondo senza pace è come il pane senza lievito".
 
Grazie per l'attenzione. Auguro a tutti ogni bene.