Condividi su

Khajag Barsamian

Arcivescovo ortodosso, Catolicossato armeno di Etchmiadzin
 biografia

In primo luogo, vorrei esprimere il mio apprezzamento alla Comunità di Sant'Egidio per aver organizzato ancora una volta questo Incontro Internazionale per la Pace “Il grido della pace – Religioni e culture in dialogo”. E sono felice di far parte di questo Forum in cui stiamo discutendo di un argomento molto importante “Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo”.

Questi ultimi anni sono stati molto impegnativi per il mondo: la pandemia da Covid-19 ha scosso l'intera umanità e i recenti gravi conflitti politici hanno creato un'atmosfera di grande minaccia per il mondo. Per questo, c'è un urgente bisogno di unità.

Ricordiamo come il movimento ecumenico moderno nel secolo scorso sia diventato un trampolino di lancio per creare un ambiente di rispetto reciproco, apertura e riavvicinamento tra le Chiese che erano state profondamente divise da storia, teologia, cultura e geografia. E ricordiamo come nel 1948 fu istituito ad Amsterdam il Consiglio Ecumenico delle Chiese e come il movimento ecumenico distrusse i muri di isolamento e aprì le porte al dialogo, alla cooperazione, alla comprensione e al rispetto reciproco, attraverso le quali iniziò un'attiva interazione.

L'11 ottobre sono stato invitato a partecipare al 60° anniversario del Concilio Vaticano II nella Basilica di San Pietro, presieduto da Sua Santità Papa Francesco. Papa Giovanni XXIII convocò il Concilio perché sentiva che la Chiesa aveva bisogno di un “aggiornamento”. I sedici documenti prodotti dal Concilio hanno proposto sviluppi significativi nella dottrina e nella prassi: una riforma ampia della liturgia, una rinnovata teologia della Chiesa, della rivelazione e dei laici, un nuovo approccio nei rapporti tra la Chiesa e il mondo, verso l'ecumenismo, le religioni non cristiane e la libertà religiosa.

Nel suo messaggio ispiratore Papa Francesco ha detto: “Fratelli, sorelle, ritorniamo alle pure sorgenti d’amore del Concilio. Ritroviamo la passione del Concilio e rinnoviamo la passione per il Concilio! Tutti, tutti siamo figli di Dio, tutti fratelli nella Chiesa, tutti Chiesa, tutti. Il Signore non ci vuole così: noi siamo le sue pecore, il suo gregge, e lo siamo solo insieme, uniti. Superiamo le polarizzazioni e custodiamo la comunione, diventiamo sempre più “una cosa sola”, come Gesù ha implorato prima di dare la vita per noi (cfr Gv 17,21). Ci aiuti in questo Maria, Madre della Chiesa. Accresca in noi l’anelito all’unità, il desiderio di impegnarci per la piena comunione tra tutti i credenti in Cristo. Lasciamo da parte gli “ismi”: al popolo di Dio non piace questa polarizzazione.”

Nella storia moderna, le relazioni inter-ecclesiali hanno ricevuto uno sviluppo completamente nuovo dopo il Concilio Vaticano II. E con tale spirito i cristiani possono cercare nuove vie per portare guarigione al mondo diviso e trovare vie di riconciliazione. 

È lodevole che Sant'Egidio abbia scelto l'argomento " Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo " per la nostra conversazione come uno dei modi importanti per esprimere la nostra unità. La risurrezione di Cristo è il fondamento della nostra fede di cristiani. Celebrare insieme lo stesso giorno di questa importante festa sarà un passo molto importante per realizzare la nostra unità nel Signore Risorto.

Purtroppo per tutta la storia cristiana, la data della celebrazione della Pasqua è stata una questione controversa: tanto controversa da portare persino a scomuniche e quasi allo scisma. C'è una divisione tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse sulla data corretta.

In passato già si sono verificati alcuni sviluppi positivi per risolvere questo problema.

Papa Giovanni Paolo II, approfittando del giorno comune della Pasqua del 2001 per i cristiani d'Oriente e d'Occidente, ha sollevato la questione ecumenica di trovare il modo di celebrare la Pasqua in un giorno comune ogni anno.

Nell'omelia conclusiva della Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani 2001, Giovanni Paolo II ha commentato la felice coincidenza della festa della Risurrezione di Cristo di quell'anno, nello stesso giorno per l'Oriente e l'Occidente come un momento importante per i cristiani per testimoniare e incoraggiarli “a trovare un consenso per una data comune di questa festa”. 

Per papa Giovanni Paolo II la celebrazione della Pasqua «non deve più essere motivo di divisione», esortando le comunità ecclesiali a tornare senza indugio a una celebrazione comune della festa pasquale, come ha affermato nel discorso all'incontro ecumenico presso la Cattedrale Greco-ortodossa in Siria il 5 maggio 2001.

Nel marzo 1997 un'importante consultazione promossa dal Consiglio Ecumenico delle Chiese e dal Consiglio delle Chiese del Medio Oriente si è riunita ad Aleppo, in Siria, e ha rilasciato una dichiarazione dal titolo: "Verso una data comune per la Pasqua".

Questa affermazione, che richiama l'attenzione sulla centralità della risurrezione di Cristo come segno dell'unità dei cristiani, raccomandava di mantenere le norme stabilite durante il Concilio ecumenico di Nicea.

Sua Santità Papa Tawadros, della Chiesa copta ortodossa, è stato il leader ecclesiale più esplicito nel promuovere lo sforzo per trovare una data comune per la Pasqua. Nel maggio 2014 ha inviato una lettera all'allora nunzio apostolico in Egitto, l'arcivescovo Jean-Paul Aimé Gobel, proponendo a papa Francesco e alla Chiesa cattolica di intraprendere un serio sforzo per trovare una data comune. Durante la visita di Francesco in Egitto nel 2016, i due leader spirituali hanno firmato una dichiarazione comune esortando le loro Chiese ad approfondire "le nostre radici nell’unica fede apostolica pregando insieme, cercando traduzioni comuni della preghiera del Signore e una data comune per la celebrazione della Pasqua.”

La Chiesa copta ortodossa in Egitto, ad esempio, è totalmente libera di concordare una data comune per la Pasqua con la Chiesa cattolica e di metterla in pratica. Nessun'altra Chiesa ortodossa potrebbe impedirlo. E, con leader come Francesco e Tawadros, che si trovano chiaramente d'accordo su questo tema, cattolici e copti ortodossi potrebbero celebrare di nuovo la Pasqua lo stesso giorno molto prima del 2034.

Nel marzo scorso, il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per l'unità dei cristiani, e l'arcivescovo ortodosso Job Getcha di Telmessos hanno concordato di lavorare per trovare una data comune per celebrare la Pasqua e dare una testimonianza unita alla risurrezione di Cristo.

L'arcivescovo Getcha ha suggerito che l'anno 2025, che coincide con il 1700° anniversario del Primo Concilio Ecumenico di Nicea (325 d.C.) e durante il quale la Chiesa d'Oriente e quella d'Occidente celebreranno la Pasqua lo stesso giorno, il 20 aprile, potrebbe essere un momento opportuno per riformare il calendario.

È giunto il momento di guardare con speranza a una Pasqua comune celebrata e testimoniata nell’unità, in Oriente e in Occidente, dopo il Primo Concilio Ecumenico di Nicea. È giunto il tempo per i cristiani di annunciare: “Cristo è risorto! Veramente è risorto!» e condividere i loro tesori e servizi liturgici potrebbe essere più vicino di quanto pensiamo, e la Chiesa del primo millennio viene in soccorso.

 



Khajag BARSAMIAN a #thecryforpeace:
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo
Forum 6 - Pasqua comune: da sogno a necessità per unire il mondo