Condividi su

Joan

Vescovo metropolita ortodosso, Albania
 biografia

 L'inevitabile processo di globalizzazione presenta diverse sfide per l'intera comunità umana e da queste sfide la nostra regione non può essere esclusa. In questo mondo globale, aumentano le influenze di diversi gruppi provenienti dall'estero, sia quelle positive che possono aiutare il dialogo e il rafforzamento dei valori, sia quelle negative che possono chiudere le comunità al loro interno, rendendo difficile il dialogo e frammentando la società e, quindi, indebolendo la pace, la convivenza e la comprensione reciproca. Siamo consapevoli che non possono esserci pace e stabilità in un Paese, se i Paesi vicini non hanno pace e stabilità. L'intera regione è influenzata l'una dall'altra.

Viviamo in una regione multireligiosa e, sebbene in forme diverse, tutti i paesi della regione affrontano le stesse grandi sfide. Dopo la caduta del comunismo, nel crollo istituzionale, economico e politico e nel grande vuoto morale e spirituale che ne è derivato, molte correnti estreme hanno trovato terreno fertile. Vari gruppi politici hanno cercato di sfruttare i sentimenti nazionali e religiosi per realizzare i loro obiettivi politici, creando così un grande vortice di odio, confusione e sofferenza. Inoltre, a volte hanno tentato di dare alle loro guerre un carattere religioso, sebbene non avessero nulla a che fare con la religione, volendo sfruttare le potenti emozioni che si innescano quando si crede che la propria religione sia in pericolo. Molte persone nei Balcani, ironicamente, hanno soprannominato queste guerre "le guerre di religione degli atei". La stessa cosa, sebbene in forma diversa, è avvenuta anche in alcuni altri paesi della grande regione del Mediterraneo: l'uso distorto della religione per raggiungere obiettivi politici. Pertanto, il ruolo della religione, dopo il fallimento di molte ideologie, ha assunto una priorità e le nostre comunità devono affrontare queste sfide e trovare soluzioni originali e creative, come parte della nostra responsabilità globale, per il bene dell'intera regione e oltre.

La società umana odierna si trova a un bivio e in una grande confusione spirituale in cui la manipolazione potrebbe rapidamente aver luogo. Grandi conflitti, sia tra individui che tra gruppi più ampi, scontri tra popoli e stati diversi possono rappresentare un grande pericolo per la pace. È importante che le credenze religiose siano chiaramente articolate contro la violenza e l'intolleranza. Tutte le comunità religiose sono chiamate ad essere più esplicite e a rafforzare il dialogo e la cooperazione, raggiungendo tutte le strade attraverso le quali può passare la propaganda estrema che incita all'odio e alle divisioni. La religione dovrebbe servire a promuovere e accrescere la pace e l'armonia come parte importante della propria predicazione. Dobbiamo predicare, con le parole e con i fatti, senza sosta, come le nostre religioni vedono la persona umana e quale atteggiamento dovrebbero assumere verso gli altri. Inoltre, queste non dovrebbero rimanere solo questioni riservate a circoli ristretti di teologi e a testi dogmatici, ma da diffondere ed essere assorbite da tutti i nostri credenti. La cooperazione interreligiosa, il dialogo e la comprensione sono necessari affinché la nostra regione mantenga la pace, la convivenza e la stabilità.

Poiché i rappresentanti delle altre comunità religiose della nostra regione mediterranea spiegheranno meglio di me la loro posizione sulla pace, sulla convivenza e su come considerano la persona umana, parlerò principalmente della posizione della Chiesa ortodossa.

Viviamo in un mondo dove non c'è pace, in un mondo di crudeltà e tumulti dove ingiustizie, povertà, conflitti e guerre stanno causando grandi sofferenze, distruzione e miseria, perché non c'è pace dove c'è il male, come dice il profeta Isaia (Is 48,22). È dovere di ogni cristiano tendere alla pace, perché la nostra pace personale si realizza nella pace di tutti e assume una dimensione comunitaria. Cristo è la nostra pace - scrive san Basilio il Grande - chi cerca la pace cerca Cristo..., senza un atteggiamento di pace verso tutti gli uomini, nessuno può essere chiamato vero servitore di Cristo.

A partire dall'antropologia cristiana, che Dio «creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini» (At 17,26), la Chiesa vede più profondamente l'unità umana e la necessità del dialogo e dell'amore tra gli uomini come indispensabili. Sebbene la Chiesa ortodossa non si sia attenuta a nessuna dottrina di guerra santa o giusta, deve essere sempre vigile e deve avere una voce più forte e chiara contro la guerra, soprattutto contro l'uso della religione nei conflitti e nelle guerre. Negli ultimi anni si sono levate molte voci contro l'uso della religione nei conflitti etnici. Una delle voci più forti è quella dell'arcivescovo Anastasios d'Albania, il cui motto è stato "l'olio della religione non deve mai essere usato per infiammare i conflitti ma per lenire i cuori e sanare le ferite". È diventata un'affermazione classica, non solo nella Chiesa ortodossa in tutto il mondo, ma anche in ambienti più ampi. Inoltre, la Dichiarazione interreligiosa del Bosforo afferma specificamente che "un crimine commesso in nome della religione è un crimine contro la religione".

Il cristianesimo rimane sempre positivo nei confronti di ogni persona, tenendo sempre presente che ogni persona è creata ad immagine di Dio e tutti gli esseri umani sono associati tra loro, perché l'origine divina di ogni persona non va mai perduta, anche se le sue concezioni religiose e le credenze sono sbagliate (si veda la parabola del samaritano, Lc 10, 25-37). Dobbiamo essere consapevoli che rispettando la dignità di ogni persona umana, non stiamo facendo loro un favore, perché questa dignità è stata data loro da Dio, ma stiamo aiutando di più noi stessi, perché solo così la nostra natura umana può essere soddisfatta. Senza illuminazione spirituale, senza valori religiosi, coltivati nei secoli, senza giustizia e perdono, senza amore e rispetto per ogni essere umano, chiunque esso sia, è difficile raggiungere la pace.

Un altro pericolo per la pace sociale, senza la quale non può esserci pace tra i popoli e gli Stati, è il grande divario tra ricchi e poveri. I paesi ricchi della nostra regione dovrebbero aiutare i poveri, perché senza ridurre il divario sociale ci saranno sempre rivolte e fioriranno l'estremismo e il populismo. Al giorno d'oggi, l'egoismo è un grande nemico della pace.

Dio ci ha benedetto con una bellissima regione, quindi tutti i nostri sforzi dovrebbero essere concentrati per impedire che la nostra regione si trasformi in una tomba, ma per trasformarla in una regione in cui prevalgono la pace, la comprensione e la convivenza, perché è così che adempiamo la volontà di Dio. Dobbiamo contrastare ogni forma di violenza e di persecuzione e, certamente, contrastare gli istigatori della guerra e dell'odio, perché l'odio non viene da Dio. «Dio non è il Dio della guerra», scrive san Giovanni Crisostomo. “Fare guerra è dichiararsi contro Dio oltre che contro il prossimo. Essere in pace con tutti gli uomini è ciò che Dio, che li salva, ci chiede. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Come dobbiamo imitare il Figlio di Dio? Cercando la pace e perseguendola”.

 



I video dell'evento

photo
25 Ottobre 2022 | durata: 00

IL VIDEO INTEGRALE DEL FORUM 10 - MEDITERRANEO, IL MARE PLURALE

Joan a #thecryforpeace:
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale
Forum 10 - Mediterraneo, il mare plurale