Condividi su

Jaron Engelmayer

Rabbino, Israele
 biografia
Prima di tutto, devo scusarmi. Il testo che avevo preparato si riferiva a “La cultura della pace nelle società conflittuali” pertanto non farò molto riferimento alla cultura di pace oggi, ma più in generale su come evitare i conflitti.
 
Herrsch Ostropolier è stato uno dei più famosi ragazzi dell'ebraismo dell'Est europeo negli ultimi secoli. Quando era un bambino tornava a casa piangendo: "Il ragazzino dei vicini voleva picchiarmi!" Suo padre si chiedeva: "Come puoi sapere che voleva farlo?", mentre "Se non lo voleva fare, non l'avrebbe fatto!" era stata la risposta di Herrsch. 
Vivere insieme non è mai stato un compito facile. Finché c'è l'umanità ci sono anche situazioni conflittuali. Perfino all'inizio dell'umanità, avendo solo quattro esseri umani in tutto il mondo, due genitori e due fratelli, il primo conflitto si presentò e finì male, con l'omicidio di uno dei due fratelli da parte dell'altro. Perché accadono cose come queste? E come può essere evitato? E come è applicabile ai nostri tempi e alle nostre società?
Come il vicino di Herrsch, che non solo non ha picchiato, ma in primo luogo non ha voluto picchiare, c'è sempre uno sviluppo, nessuna situazione nasce dal nulla. I nostri saggi portano la questione rapidamente al punto centrale, dicendo: "Persegui una buona azione ed evita il peccato, poiché una buona azione ne causa un'altra e un peccato ne causa un altro".
 
Se diamo un'occhiata a quello che è successo prima che Caino uccidesse Abele, riveleremo alcune osservazioni interessanti:
 
1. Tutto è iniziato dall'invidia di Caino verso Abele, perché la sua offerta è stata accettata e quella di Caino no. Di’o parla con Caino e gli dice: non cercare di liberarti delle tue responsabilità. Non provare a vergognarti di nessun altro che di te stesso, perché sta a te alzarti e operare un cambio. Sbarazzati dei tuoi sentimenti negativi, prendi il controllo della tua cattiva guida e rendi il tuo futuro migliore - perché ne sei in grado!
Solo un pessimo Caino non ha davvero ascoltato le parole di Di'o, o non è stato abbastanza forte da crederci.
 
2. Durante l'intera storia Di'o è molto presente, dal momento in cui accetta l'offerta di Abele, poi parla con Caino dopo che non ha accettato la sua offerta, e infine lo punisce per aver ucciso suo fratello. È interessante notare che a un certo punto Di'o sembra non essere affatto presente: durante l'omicidio stesso!
I nostri saggi nel Midrash fanno ancora un passo avanti e confrontano la situazione con un ladro, che è riuscito a entrare in una città e a rubare un sacco di gioielli. Alla fine viene catturato dal guardiano della città, che ha iniziato a gridare al ladro: "Come osi rubare le cose in questa città!" Ma il ladro rispose subito: "Perché mi fai questa domanda? Sono un ladro, ho fatto quello che so fare: rubare - così ho fatto solo il mio lavoro! Ma invece tu? Non sei il guardiano della città? Non dovresti sorvegliare la città in modo che persone come me non siano in grado di rubare? Quindi in realtà sei tu che non hai fatto il tuo lavoro, non io! " Allo stesso modo Caino disse a Di'o dopo l'omicidio: "Mi chiedi dove sia mio fratello e cosa gli ho fatto, ma non sei tu che dovevi controllarci e proibire che si verificassero cose come queste?"
Sembra una domanda forte, perché davvero Di'o non ha proibito l'omicidio? Perché è scomparso proprio in questo preciso istante? La risposta è chiara e significativa: Caino, sei tu che hai ucciso! Tu hai fatto il male! Di’o ha dato all'umanità il libero arbitrio, con tutte le sue implicazioni! Significa che siamo davvero in grado di fare la scelta sbagliata, e significa che l'esito di una scelta del genere potrebbe essere molto brutto, catastrofico. Sì, è possibile con scelte sbagliate distruggere la vita, distruggere il mondo - questo fa parte del libero arbitrio e della nostra scelta! Quindi sta a noi scegliere un modo migliore, perché altrimenti ... le cose brutte accadranno davvero, e non saranno solo teoricamente possibili!
 
3. La storia nella Bibbia non rivela quale sia stata la lotta tra Caino e Abele. I nostri saggi presentano alcune possibilità, tra queste, la lotta sarebbe stata su come dividere il mondo tra i due. Questa spiegazione è abbastanza sorprendente, dal momento che tutti comprendono che il mondo intero dovrebbe essere abbastanza grande per due persone, senza entrare in lotta su come dividerlo, e questo sicuramente non dovrebbe essere un motivo per arrivare fino all'omicidio!
Ma allo stesso modo possiamo guardare alla situazione attuale: il mondo ha abbastanza risorse per l'umanità, ci sarebbe abbastanza cibo per esempio per nutrire più volte tutti gli esseri umani! Perché allora le persone continuano a morire di fame? Perché non siamo abbastanza saggi da dividere tutto in maniera equa! Maimonide porta questa intuizione a un punto visionario: nei tempi futuri, quando il Messia sarà arrivato, non ci sarà alcun cambiamento nelle leggi naturali, ma comunque ci sarà abbastanza cibo e benessere per tutti, e ognuno si siederà sotto il suo albero di fico e sotto la sua uva, come dice il profeta Isaia ...
 
4. Un altro punto fondamentale gioca un ruolo importante: prima che avvenisse l'omicidio, c'è stata un'interazione tra Caino e Abele: "E Caino ha parlato con suo fratello Abele, quando erano sul campo, e Caino si alzò in piedi su suo fratello Abele e lo uccise". È interessante notare che Caino ha parlato con Abele, gli ha detto qualcosa, ma non c'è stata alcuna reazione da parte di Abele! Non c'era dialogo, era un monologo. Forse, se Abele avesse risposto o avesse reagito a Caino, se si fossero parlati, con un vero dialogo, forse l'omicidio non sarebbe accaduto! Ciò rende chiaro che il dialogo è necessario, anche se c'è ancora molta strada da fare, ma dove le persone parlano tra loro c'è speranza e le cose peggiori possono ancora essere evitate.
 
5. L'ultimo punto da sottolineare riguarda un fatto molto semplice, ma proprio per questo l'intera storia diventa molto più irritante: Caino e Abele erano fratelli! Qualunque sia la ragione sulla quale ci potevano essere opinioni diverse, o per la quale combattere, c'è sempre una ragione molto più forte per superare tutte le difficoltà e diventare di nuovo amici: la fratellanza! Il legame d'amore all'interno di una famiglia dovrebbe sempre chiarire che, anche se vivere insieme non è sempre facile, sì, forse anche molto impegnativo, vale sempre la pena superare le sfide e riunirsi - perché si è una famiglia!
I nostri saggi nella tradizione orale sottolineano che c'è una ragione per cui tutti gli esseri umani sono usciti da una sola persona, Adamo: così nessuno poteva reputarsi superiore ad un altro, a motivo della sua discendenza da famiglie superiori. No, siamo tutti uguali, provenienti dalla stessa famiglia, questo rende tutti noi fratelli e sorelle! Quindi, qualunque siano le differenze, siamo in grado di superarle, perché siamo una sola famiglia. Questa prospettiva dovrebbe valorizzare ciò che abbiamo in comune, che ci conduce alla capacità di rispettare e stimare le differenze tra noi.
 
Per concludere i messaggi contenuti nella storia di Caino e Abele: spetta a noi e alla nostra responsabilità fare la differenza e cambiare direzione, altrimenti possono accadere cose brutte e Di'o non necessariamente le proibirà. Quindi è importante parlarsi l'un l'altro, vedere ciò che è comune e la connessione tra di noi, ma allo stesso tempo riconoscere e apprezzare le differenze, e riconoscere che ci sono spazio e risorse sufficienti per tutti, specialmente quando tutti sono disposti a lavorare insieme.
 
Ora, poiché probabilmente mi è stato chiesto di aggiungere il mio contributo a questo panel anche perché vivo in Israele, che è noto come un paese con società in conflitto, vorrei fare riferimento alla situazione seguente:
prima di tutto non cercherò di rappresentare l'opinione della popolazione israeliana. Ciò sarebbe problematico, dal momento che Israele è noto per essere un paese con non solo un presidente, ma oltre 7 milioni di presidenti, e ognuno sa meglio di altri come dovrebbe essere governato questo paese. D'altra parte vorrei sottolineare che oltre ai conflitti in questo meraviglioso paese, e ogni conflitto è già uno di troppo, ci sono innumerevoli situazioni ogni giorno, in cui ebrei e arabi vivono e cooperano fianco a fianco, accettando e spesso divertendosi a vivere insieme in un unico luogo. Questo lo si può osservare nel luogo in cui vivo, nella Galilea centrale, ma le persone di tutto il mondo non potranno venire a conoscenza di questa realtà poiché nessun media, nessun giornale o televisione ne parla, poiché non è interessante. È un vero peccato, perché dimostra che vivere fianco a fianco è possibile. Ciò non significa che le società debbano mescolarsi, diventare una, ciascuna può e deve mantenere la propria identità. Ciò non significa che tu debba essere della stessa opinione su tutto, e ciò non significa che il pericolo non debba essere riconosciuto e bandito, ma significa che c'è speranza per un buon vivere fianco a fianco, per una vita migliore per tutti.  Quindi sì! Non ci arrendiamo, poiché crediamo che è nelle nostre mani la possibilità di fare la differenza!